AGATHA CHRISTIE: LA REGINA DEL DELITTO | Cena con delitto

AGATHA CHRISTIE: LA REGINA DEL DELITTO

AGATHA CHRISTIE: LA REGINA DEL DELITTO

Quando si parla di delitto non si può non parlare della regina del giallo: Agatha Christie. Agatha Mary Clarissa Miller nasce in Inghilterra nel 1890 e assume il cognome Christie quando nel 1914, sposa l’ufficiale Archie Christie. Durante la guerra lavora presso l’ospedale di Torquay ed è qui che ha il primo contatto con medicinali e veleni, di cui diventerà esperta e che utilizzerà spesso nei suoi libri. Da sempre appassionata di romanzi gialli, inizia a scrivere per una scommessa fatta con la sorella Madge. Il suo primo romanzo viene pubblicato anni dopo la stesura ufficiale ed è Poirot a Styles Court, dove fa la comparsa il famoso detective belga Hercule Poirot.

Il 1926 è un anno tragico per la scrittrice che perde prima la madre e vede il marito chiederle il divorzio. E qui il mistero che alleggia nei suoi libri, avvolge la vita privata della Christie. Infatti, una sera scompare misteriosamente dopo aver lasciato una lettera alla sua segretaria in cui diceva che si sarebbe recata nello Yorkshire. Viene ritrovata la sua auto abbandonata, ma della regina del delitto nessuna traccia. Si racconta addirittura che Sir Arthur Conan Doyle avesse ingaggiato una medium per rintracciare la donna. La polizia si mobilita e riesce a ritrovarla solo 10 giorni dopo, registrata sotto falso nome in un albergo di Harrogate, nell’Inghilterra meridionale. Agatha Christie non ha mai rilasciato dichiarazioni in merito all’accaduto e nessuno tutt’oggi sa le vere cause di questo allontanamento.

Il 1930 è un altro anno di svolta, ma questo in senso positivo. Durante uno scavo, incontra quello che sarebbe diventato il suo secondo marito, l’archeologo Max Mallowan. È un matrimonio felice e la scrittrice segue il coniuge nei suoi viaggi di lavoro che saranno per lei fonte di ispirazione per i suoi romanzi, tra cui il celebre Assassinio sull’Oriente Express. La Christie continuerà a scrivere, nonostante i problemi di salute fino al 1976, anno della sua morte.

È conosciuta come la “regina del delitto” avendo scritto 66 romanzi gialli e 14 raccolte di short stories, che ruotano intorno alle indagini dei suoi personaggi più celebri: il già citato Hercule Poirot, il famoso investigatore belga dalla “testa ad uovo” e dai baffi impeccabili che appare in ben 33 romanzi; Miss Jane Marple, simpatica e vivace vecchietta che vive nel villaggio di Saint Mary Mead, appassionata di delitti ed acuta osservatrice; infine Tommy e Tuppence, coppia di ricattatori che si lasciano ben presto travolgere dalla vita più coinvolgente e remunerativa di detective.

I suoi libri sono i più venduti in tutto il mondo, preceduta solo da Shakespeare e la Bibbia. Tradotti in ben 103 lingue, Dieci piccoli indiani è riconosciuto come il romanzo giallo più venduto in assoluto. A questi successi si aggiunge anche la sua pièce teatrale Trappola per topi che dal 1952 ad oggi è stata messa in scena ben 25.000 volte. Come riconoscimento della sua straordinaria carriera, nel 1971 viene nominata Dama dalla regina Elisabetta II.

Nonostante siano passati più di trent’anni dalla sua morte, i romanzi di Agatha Christie continuano a riscuotere enorme successo, diventando anche adattamenti per la tv e il cinema, e riconfermandola come l’unica ed inimitabile “regina del delitto”.

Arianna Venegoni

Curious girl in progress. Involved in communication. I love writing, reading, travelling, good music and movies. Australia in my ♥!
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.